Occupato il gazebo del Comune di Brescia

0 0
Read Time:2 Minute, 15 Second

 Oggi, 8 giugno 2012 e’ stato occupato il gazebo del Comune di Brescia presente al Festival della Mobilità Elettrica in piazza Arnaldo,

Il Comune di Brescia, in collaborazione con Brescia Trasporti, organizza il Festival della Mobilità elettrica in occasione del taglio al servizio di trasporto pubblico (SOPPRESSIONE AUTOBUS SERALI -RIDUZIONE CORSE I GIORNI FESTIVI – SOPPRESSIONE DELLA LINEA 5 E 6 – DIMEZZAMENTO ACCABUS PER DISABILI). La Giunta Comunale di Brescia (LEGA-PDL-UDC) e in modo particolare l’assessore Rolfi hanno reso Brescia la terza città più inquinata in Europa, rendendosi responsabili dell’aumento di malattie respiratorie e mortalità dovuti a patologie derivate dall’inquinamento dell’aria. Ricordiamo che l’amministrazione comunale ha favorito l’aumento del traffico privato, aprendo alla circolazione tutto il centro città e dimezzando il prezzo del parcheggio per le auto; penalizzando d’altro canto l’utilizzo di mezzi di trasporto più ecologici, con multe a chi usa la bicicletta e aumento del prezzo del biglietto dell’autobus del 20 per cento. La situazione ambientale a Brescia è grave anche per l’inquinamento da PCB, per le discariche di materiali nocivi, per la presenza dell’inceneritore.

Altro effetto di queste scelte gli ipocrite degli amministratori cittadini è la rimozione di qualsiasi possibile alternativa all’automobile per muoversi la sera, il che va a contribuire all’aumento degli incidenti stradali (le cosiddette stragi del sabato sera). E’ perciò indispensabile una presa di coscienza di tutti e tutte.

UN SERVIZIO PUBBLICO EFFICACE, ECONOMICO ED ESTESO SIGNIFICA UNA CITTA’ MENO INQUINATA, MENO CAOTICA E PIÙ VIVIBILE.

Read more

Brescia, la piazza di maggio che ci piace

0 0
Read Time:2 Minute, 40 Second

Bello l’ingresso in piazza almeno tanto quanto è stato odioso il divieto della questura di entrarvi.

“Gli antagonisti fuori!” era la premessa con cui si è arrivati al 28 Maggio 2012.

Il corteo del Kollettivo Studenti in Lotta e di Magazzino 47 ha un obiettivo dichiarato, oltre a ciò che riguarda la commemorazione e l’esercizio della memoria: “Cancellieri go home”; nell’anno della definitiva assoluzione di ogni indagato, nell’anno in cui lo stato si assolve di nuovo…In Piazza della Loggia presenzia un ministro del governo che sta distruggendo a colpi di austerity studenti, lavoratori e precari.

Fino alle 11.10 il ministro è in piazza. Il corteo avanza a passo svelto: sembra non volere che l’indesiderato ospite scappi senza salutare.

Durante il percorso, in particolare dopo una breve tappa al tribunale, la questura cerca in ogni modo di rallentare il corteo con la marcia lentissima dei molti agenti della celere, in alta divisa per l’occasione.

Ma un corteo che si ingrossa durante il proprio percorso e che arriva ad oltre settecento antifascisti avanza scandendo slogan tra bandiere “NO TAV” e due striscioni: “28 Maggio 1974 – 2012. La memoria è viva solo nelle lotte del presente. Cancellieri go home” e “Fermiamo la strage, contro la crisi basta vittime: lotta sociale!”.

Fino all’ingresso di Piazza della Loggia il percorso è assolutamente autorizzato; eppure sono continue le provocazioni della polizia. Fino a Corso Matteotti dove, nel primo tratto, in cui la via è stretta e senza negozi, lontano da scomodi testimoni oculari, i celerini si schierano in assetto antisommossa bloccando di fatto il corteo. Ne nasce una prima carica respinta con decisione dal corteo.

Corteo che riparte compatto, aperto ora da diversi cordoni formati a protezione.

Read more

NOT IN MY TOWN – CORTEO ANTIFA

0 0
Read Time:1 Minute, 33 Second

NESSUNA DESTRA CI SALVERÀ DALL’AUSTERITY

Ombre nere si allungano sull’Europa e sull’Italia.
La crisi e la scellerata politica di austerity imposta dalla finanza e dai suoi alfieri, stanno facendo riemergere dalle discariche della storia formazioni politiche e movimenti xenofobi e nazionalisti.

Anche su Brescia tira una brutta aria: nel solo mese di settembre sono state inaugurate le nuove sedi di Casa Pound e Forza Nuova e sabato i neofascisti sfileranno per le vie della città. Nell’anno delle grandi mobilitazioni popolari internazionali, da Occupy alla primavera araba, passando per gli Indignados, questi rottami della storia scendono in piazza contro un fantomatico “razzismo anti-italiano” e al grido di “gli italiani prima”. Al pari della Lega, che strombazza “prima il nord”, diffondono la pericolosa menzogna secondo cui questa crisi sarebbe causata dal “diverso”, dallo straniero. read more

Read more

Contro chi specula sfratta sgombera sfrutta

0 0
Read Time:1 Minute, 49 Second

Voglio Spazio - Difendo Magazzino47La conquista di un mondo diverso dall’esistente governato dalle recinzioni della finanza e del neoliberismo, in fondo, è una questione di spazi. La battaglia si gioca su questo campo.

La spietata macchina del profitto stringe e chiude ogni spazio, fisico e non. Toglie spazio alla nostra vita: se abbiamo un lavoro sicuro ci chiede di lavorare di più, pagandoci di meno; se non abbiamo un lavoro ci dice che siamo schizzinosi e “choosy”; se studiamo puntualizza che solo chi se lo merita ne ha diritto e ci mostra un’odiosa meritocrazia che vuol dire selezione ed elitarismo. Porta via il nostro tempo presente e futuro, distrugge qualsiasi prospettiva buttandoci nel vortice della precarietà, quando non ci condanna alla disoccupazione.

Read more

HOTEL SIRIO OCCUPATO SCENDE IN PIAZZA CON STUDENTI, PRECARI, DISOCCUPATI

0 0
Read Time:1 Minute, 54 Second

MANIFESTAZIONE SABATO 17 NOVEMBRE 2012
ORE 16.00
PIAZZA DELLA LOGGIA

Dopo e nonostante le cariche violente e le menzogne della questura di Brescia per coprire il proprio operato repressivo e gratuito ai danni del corteo autonomo che si è preso la città nel giorno dello sciopero generale europeo.

Nonostante le minacce, le manganellate a giovani e giovanissimi, le ferite, le botte inferte dalle forze dell’ordine.
Nonostante in molte città italiane il potere costituito abbia risposto alle lotte sociali ed ai movimenti di massa con cariche, pestaggi ed arresti.
Read more