Primo maggio – FERMARE LA GUERRA SUBITO!

0 0
Read Time:3 Minute, 15 Second Primo maggio FERMARE LA GUERRA SUBITO! Solidarietà – autodeterminazione – giustizia sociale e climatica   DOMENICA 1 MAGGIO 2022 appuntamento alle ore 9 in Piazza Garibaldi, #Brescia Adesioni attuali: CSA Magazzino47Associazione Diritti per tutti – COBAS Brescia – CUB BresciaBrescia per Mediterranea Saving HumansFridays For Future Brescia   📨 (Per aderire contattateci in DM o all’indirizzo mail info@magazzino47.org)   Una drammatica pandemia ancora in corso, che certo non finisce per decreto governativo. Il diffondersi di condizioni di vita e lavoro segnate da impoverimento, precarietà, ritmi estenuanti. Una crisi climatica prossima all’irreversibilità. E adesso, di nuovo anche in Europa, una guerra devastante, scatenata a febbraio dall’aggressione militare del regime autocratico russo contro le popolazioni ucraine. Una guerra alimentata dalle divergenti strategie di dominio geopolitico delle grandi potenze, anche occidentali, mosse tutte da interessi economici capitalistici. Una guerra che potrebbe persino diventare nucleare. E che alle porte di Brescia avrebbe uno dei primi target da colpire: la base di Ghedi, munita di bombe atomiche USA in piena efficienza. Il mondo in cui viviamo – governato secondo le priorità imposte dal sistema neoliberista, dalla sua insaziabile bulimia di profitto per pochi – è più che mai pericoloso e ingiusto. Le sue classi dirigenti sociali e politiche non sembrano in grado di risolvere crisi e squilibri, danno anzi l’idea di esserne causa. Ne ricavano anche privilegi, mentre scaricano su milioni di persone sfruttamento, sofferenza, morte, fino a mettere a repentaglio l’esistenza stessa della specie umana. Con la guerra voluta da Putin, poi cavalcata da Biden e buona parte dell’Unione europea – il cui costo peggiore pagano come sempre le classi popolari (qui per ora “solo” con un ulteriore aumento di inflazione e caro-vita) – veniamo chiamati da ogni parte al nazionalismo e alla contrapposizione frontale al nemico. Anche stavolta chi governa – in Russia ma anche in Italia e in occidente – risulta essere parte del problema. Non la soluzione. La ricchezza che produciamo non può essere bruciata in guerra e nelle spese militari, che invece i Paesi Nato, Italia compresa, hanno appena deciso di incrementare fino al 2 per cento dei rispettivi PIL. Esigiamo che le risorse economiche siano impiegate in altri modi: per migliorare condizioni di lavoro e salari, per la continuità del reddito, per il diritto alla casa, per la sanità, la scuola, il welfare pubblici. Per la giustizia climatica e ambientale. Per un’urgente svolta ecologica radicale, senza che i costi vengano addebitati alle classi popolari. Per una rapida messa al bando dei combustibili fossili, il cui utilizzo oggi è pure fonte di finanziamento, da parte della stessa Europa occidentale, dell’aggressione russa in Ucraina. È il momento di porre fine agli enormi profitti delle multinazionali energetiche e dunque agli insostenibili aumenti delle bollette di luce e gas. Fermare la guerra subito! Per una soluzione politica e non militare che metta fine al conflitto armato, all’invasione russa e alle pericolose manovre belliciste della NATO foriere di possibili escalation. No agli imperialismi e ai nazionalismi. Per l’autodeterminazione e la democrazia dal basso ovunque! Solidarietà alle popolazioni civili che resistono all’oppressione nell’Ucraina invasa, in Russia e in tutto il mondo. E che in ogni caso sono il principale bersaglio della guerra. Sostegno e corridoi umanitari per chi fugge dalla guerra, libertà di movimento per chiunque, senza più discriminazioni per età, sesso biologico, genere, provenienza geografica, “etnia”, colore! No alle narrazioni uniche, alla militarizzazione del discorso pubblico e dell’informazione, della politica economica, della società. Per un’Europa indipendente e non subordinata agli Stati Uniti. Per un’Europa e per un mondo di pace e diritti sociali universali, liberi da guerra, nazionalismo, patriarcato, razzismo, sfruttamento. Vogliamo vivere. Vogliamo giustizia e futuro.   🔴 Dopo il corteo, dalle ore 13, pranzo di raccolta fondi per le spese processuali della campagna “60MILA VOLTE ANCORA” al Magazzino 47. I posti per il menù completo sono già esauriti, ma ci sarà la possibilità di sostenere la campagna, mangiare un boccone e passare una giornata in compagnia anche per chi si unirà all’ultimo momento!

Share

Facebook

Twitter read more

Read more

NO ALLA GUERRA, SÌ ALLA SOLIDARIETÀ Punto di raccolta aiuti umanitari al Magazzino 47

0 0
Read Time:1 Minute, 42 Second

Giovedì 24 febbraio l’esercito russo ha iniziato l’invasione dell’Ucraina, dando il via alla guerra che da una settimana sta portando morte e distruzione in tutte le regioni del paese.

Come accade in tutte le guerre tra stati – che perseguono gli interessi economici e geopolitici di pochi – a pagare terribili costi umani, sociali, economici ed ecologici è la gente comune, in particolare le fasce più deboli e povere della popolazione.

In questi giorni, davanti alle immagini delle abitazioni colpite dalle bombe, dei carri armati che avanzano, dei cadaveri a terra e delle centinaia di migliaia di persone in fuga, la priorità può essere soltanto una: immediato stop alla guerra in favore di una soluzione diplomatica e politica delle tensioni nell’area.

Pensiamo che la prima posizione da prendere sia quella della solidarietà tra i popoli: a fianco delle donne e degli uomini che in Ucraina subiscono le drammatiche conseguenze della guerra, a fianco delle migliaia di persone che in questi giorni, in Russia, stanno manifestando con coraggio la propria contrarietà a questa guerra, a costo della loro libertà.

Seguendo questo principio, nel mondo, in Italia e anche a Brescia tante persone si stanno muovendo non solo per chiedere un cessate il fuoco immediato, ma per far arrivare aiuti materiali di vario genere a chi sta pagando il prezzo più alto dell’ennesima guerra. Anche noi vogliamo fare la nostra parte.

Per questo, venerdì 4 marzo e venerdì 11 marzo, durante il Mercato 47, dalle 16 alle 20, raccoglieremo fondi, viveri e beni di prima necessità per chi si trova sotto assedio in Ucraina e per chi ha dovuto lasciare il paese. Chi volesse contribuire a questo gesto di solidarietà concreta contro la guerra può portare medicinali o materiale sanitario (paracetamolo, ibuprofene, antidolorifici, antiepiretici, kit di primo soccorso, bende, garze, guanti, mascherine) e cibo a lunga conservazione (cibo in scatola, pasta, riso, ecc).

Una volta raccolto il materiale, ci occuperemo di organizzarlo e consegnarlo alle reti di solidarietà attivate dalla comunità ucraina di Brescia e ad altri canali umanitari rivolti alla popolazione civile. read more

Read more

UN NUOVO INIZIO INSIEME

0 0
Read Time:1 Minute, 59 Second

Quasi due anni fa, nel gennaio 2020, il Covid-19 si è presentato al mondo e da lì a poco ci siamo trovatə in una pandemia che dura tuttora. La pandemia ha mostrato una volta di più la spietatezza del modello di sviluppo capitalista e neoliberista, evidenziando come nel sistema economico e sociale in cui viviamo la salute delle persone viene ben dopo i profitti del capitale, smascherando non solo le criticità – preesistenti – del sistema sanitario, ma in generale la violenza di un’organizzazione sociale, politica ed economica che non è più sostenibile né tollerabile. Allo stesso tempo, l’emergenza sanitaria ha messo e sta mettendo a dura prova anche la tenuta delle organizzazioni politiche di base e la loro capacità di proporre un’alternativa. Per quanto riguarda la nostra, l’abbiamo sentita inadatta e insufficiente. Dunque, pensiamo che quel “non vogliamo tornare alla normalità” che facevamo nostro un anno e mezzo fa debba valere innanzitutto per noi.  read more

Read more

MAGLIETTA WE WANT TO BREATHE – CSA MAGAZZINO 47

0 0
Read Time:2 Minute, 0 Second In primavera avevamo stampato migliaia di adesivi con la scritta “We can’t breathe”, riprendendo le parole di George Floyd che, mentre veniva ucciso, soffocato, dal ginocchio di un agente della polizia durante un fermo, ha pronunciato le parole che hanno gridato al mondo come non sia più possibile respirare, schiacciati dal razzismo strutturale, dalla violenza poliziesca e di un sistema economico, politico e sociale spietato, nel quale i più deboli sono esclusi, lasciati indietro, uccisi, mentre i più ricchi sono sempre più privilegiati e potenti. Nei mesi successivi, in piena pandemia, la rabbia e la voglia di giustizia sociale hanno invaso le strade degli Stati Uniti d’America, “il ventre della bestia”, contagiando, per alcuni giorni, il mondo intero. Il movimento Black Lives Matter è partito dalla lotta di afroamericani, latini, migranti e antirazzisti contro il razzismo sistemico e la violenza della polizia. Nelle strade, però, ha saputo unirvi le lotte di lavoratrici e lavoratori, precarie e precari, disoccupate e disoccupati contro condizioni di vita ormai insopportabili, insieme alla lotta transfemminista contro il sessismo strutturale e la mentalità patriarcale. Ci mostra come insieme possiamo respirare, farci resistenza e potenza collettiva che è già alternativa, in atto, a un sistema ingiusto, che sfrutta e uccide gli esseri umani, gli esseri viventi e il pianeta. Un’alternativa al mondo ancor più duro e iniquo che questa pandemia ci consegnerà. Per questo abbiamo deciso di dedicare a Black Lives Matter questa nuova maglietta stampata dal centro sociale. Stavolta, però, abbiamo scritto “We want to breathe”! Acquistandola potete supportare il centro sociale Magazzino 47, aiutando questa esperienza autonoma di lotta e autogestione a continuare a resistere nonostante da mesi sia molto difficile, quando non impossibile, organizzare iniziative di autofinanziamento.   👉Come ordinarla? Entro domenica 6 dicembre, tramite questo link di PayPal ( https://www.paypal.com/donate?hosted_button_id=HQEUAJEZV9KLS ) potrete versare 15 euro, indicando anche la taglia desiderata, modello uomo o donna, il vostro nome e numero di telefono. In alternativa, potrete preordinarla e lasciare il contributo di 15 euro il 4 dicembre direttamente al Magazzino47 in occasione del Mercato47. Le maglie potranno poi essere ritirate da venerdì 18 dicembre, sempre presso il centro sociale. Se vivi fuori dalla provincia di Brescia e preferisci che te la spediamo, ti chiediamo di versare 18 euro (15€ + spese di spedizione) sempre tramite PayPal, inserendo la taglia desiderata e tutte le informazioni necessarie per la spedizione.

Share

Facebook

Twitter read more

Read more

NON STA ANDANDO TUTTO BENE – Dossier collettivo sulla pandemia nel Bresciano

1 0
Read Time:34 Second

Questa mattina, insieme a tantissime realtà del territorio cittadino bresciano, davanti all’Ospedali Civile di Brescia abbiamo presentato “Non sta andando tutto bene – Dossier collettivo sulla pandemia nel Bresciano”, un libro bianco che potete leggere e scaricare gratuitamente a questo link: https://www.radiondadurto.org/wp-content/uploads/2020/07/DossierBresciano_Non-sta-andando-tutto-bene.pdf

Una memoria viva di quello che è accaduto e di quello che si sta prospettando, tra una crisi sociale senza precedenti e scelte politiche di Regione Lombardia e Governo, per non tornare alla normalità di prima e pretendere tutte e tutti insieme salute, lavoro, reddito, giustizia sociale e ambientale come punti cardine della normalità che vogliamo. read more

Read more